RèS

Rès

Scherzi di un destino ormai passato da tempo, Reggio Emilia si chiamava Reggio di Lombardia. Un “grande paese”, RÈS, Reggio.

Cittadina no, esagerato, troppo lombardo. Ma quanto è cresciuto questo grande paese. A RÈS avresti potuto mettere il tuo messaggio in una pozzanghera, la deriva della bottiglia affidata alle parole delle sue poche teste. Per di più quadrate, a quanto dicono i vicini campanilisti.

Oggi non è più così. Il tempo ha costruito edifici, i dialetti si sono mischiati. I primi forestieri sono diventati figli della città. E ad essi ne sono seguiti altri.

RÈS, città multietnica e avanguardista, amata dai suoi abitanti con orgoglio e senza ostentazione. Come una piccola Milano, ha saputo adottare e si è fatta madre di teste di tutte le forme. Non cercate snobismo, però. I cortili del centro, le sue piazze, non sono elitari salotti.

Ma chiamatela di nuovo, se volete, Reggio di Lombardia.


Testo di Andrea Morelli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *