L’oasi del Tempo Bono

IMG_6038

L'oasi del Tempo Bono

Lo storico circolo di via del Cortone propone attività di gruppo aperte a tutti e all’insegna della tradizione contadina umbra
Per molte persone anziane, ma non solo, il Circolo del Tempo Bono è un luogo in cui poter trovare relax, svago, spensieratezza e compagnia. Un’oasi piuttosto appartata, situata ai margini dell’acropoli a un angolo di via del Cortone, che offre a chi la frequenti un riparo dalla vita frenetica che si svolge parallelamente a poche strade di distanza in tutte le direzioni. Qualche viuzza più in là, ad esempio, in Corso Cavour, ma soprattutto qualche centinaio di metri più sotto, dove le arterie di via Ripa di Meana e via XIV settembre confluiscono e si intasano in modo inestricabile e fastidioso durante le ore di punta della giornata. Oltre a una vista magnifica sul resto della città che digrada verso la periferia, questo posto sa così regalare, con i suoi personaggi e la sua atmosfera, pomeriggi e serate di pace in cui per molti dei partecipanti il tempo sembra fermarsi o addirittura tornare indietro.

Il Circolo del Tempo Bono è stato fondato tanti anni fa da artigiani e commercianti di Perugia che in tempo di guerra si riunivano per organizzare attività ricreative, fare bisboccia e stare insieme. All’inizio l’associazione era un luogo di ritrovo ideale, più che fisico, dato che i soci si davano appuntamento per le strade di via Bonfigli per giocare a bocce, piastrelle, morra e ruzzolone, e questo club aperto a tutti non aveva una vera e propria sede fissa.

Per allietare le occasioni di incontro, i partecipanti erano addirittura arrivati a inventarsi in modo profondamente artigianale un piccolo bar ambulante che altro non era se non un carretto di legno sul quale trasportare damigiane di vino e altre bevande. Tali momenti conviviali avevano tuttavia luogo solo nel caso in cui le condizioni climatiche li favorissero, da qui il nome di circolo del “tempo bono” con cui veniva chiamata la folta compagnia itinerante.

Un punto di riferimento che ospitava abitualmente i soci in verità c’era, ed era una bottega di falegname situata in via Fiorenzuola, un posto il cui ruolo è stato poi in seguito assorbito dalla prima autentica sede del Tempo Bono, nei locali comunali di Piazza Giordano Bruno.

È nel 1980 che il circolo si è trasferito, stavolta in maniera definitiva, in via del Cortone, dove si trova ancora oggi. Qui i nuovi ambienti, in precedenza usati come stalle, sono stati ripuliti e sistemati grazie all’apporto sia manuale che economico dei soci e successivamente, nel 2003, il contributo comunale ha consentito loro di ultimare la ristrutturazione della sede odierna.

Luogo in cui incontrare altre persone (perugini e non, coetanei e non) per scambiare due parole, bere una cosa, mangiare, o giocare a carte, negli ultimi anni il Circolo del Tempo Bono sta anche proponendo con continuità la riscoperta di attività di gruppo appartenenti al retaggio della tradizione contadina umbra, estendendole a chiunque voglia prendervi parte. Vengono così organizzate spedizioni numerose in occasione del periodo della vendemmia delle uve, della raccolta a mano delle olive, e delle castagne.

Ad alimentare la vitalità del circolo, poi, non mancano di certo le iniziative culturali, tra le quali spicca quella legata alla fondazione, da parte dei soci, di una propria compagnia teatrale che mette in scena opere bucoliche realizzate in dialetto perugino.

Insomma, se cercate un posto vivace, magari un po’ di compagnia, e vi interessano attività di questo tipo, allora fateci un salto, in via del Cortone. Chiedete del presidente Enzo Garghella, mettetevi a vostro agio, e vedrete che sarete accolti benissimo da tutti e vi divertirete.

Testo di Mattia Giambattista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *