La Stranieri e Perugia, nuove idee per un vecchio amore

11873689_10153585588778281_3718498516311745352_n

La Stranieri e Perugia, nuove idee per un vecchio amore

La Società di Mutuo Soccorso ha organizzato una visita guidata per gli studenti dell'ateneo di Palazzo Gallenga

Quando mesi fa venimmo a sapere che l’Università per Stranieri di Perugia voleva “affittare” i suoi iscritti a scuole private sparse in Italia, alla Società di Mutuo Soccorso non siamo stati a chiederci se fosse per noi conveniente contrastare questa decisione. Abbiamo pensato al danno economico e, soprattutto, a quello culturale che Perugia avrebbe ricevuto. In particolare a quanto meno ricca sarebbe stata la vita dei nostri giovani che da sempre, grazie alla “Stranieri” e agli studenti fuori sede dell’Università statale, vivono come se fossero in un lungo Erasmus, e anche alla crescente insicurezza con la quale avrebbero dovuto confrontarsi i docenti precari di lingua italiana dell’università.

Ne è seguito un periodo lungo e impegnativo, che ha avuto un esito positivo anche grazie ai compagni di strada che abbiamo incontrato, il consigliere regionale Oliviero Dottorini, veramente instancabile, la CGIL e alcune associazioni cittadine. Nonché al sottile lavoro diplomatico dell’assessore regionale Carla Casciari che, mentre a Perugia riuscivamo a rendere pubblico il problema, era in Cina a cercare opportunità per la nostra Regione, compresi studenti per l’Università per Stranieri, e a tutto pensava tranne che a lavorare per altre scuole di altre regioni italiane.

Sta di fatto che l’impegno di tutti e la forza delle nostre ragioni hanno sortito l’effetto che volevamo. E i perugini possono continuare a vedere in giro per la città studenti stranieri, dare e ricevere il tanto che lo scambio con persone di altre culture dal punto di vista culturale, sociale ed economico offre.

È stato a quel punto che la Società di Mutuo soccorso si è messa a disposizione dei docenti e degli studenti della “Stranieri” per fargli visitare la sua sede. Classi dell’Università per Stranieri di Perugia sono già venute a trovarci e insieme agli studenti abbiamo fatto una camminata descrivendo quello che incontravamo da Palazzo Gallega fino alla nostra sede di via dei Priori. Lì gli abbiamo mostrato le cose belle e importanti che abbiamo; raccontato chi siamo e la nostra storia, che poi è una parte della storia di Perugia e d’Italia.

Riceverli, dopo l’impegno messo per fare in modo che non venissero dirottati in altre città, è stato come se un cerchio si fosse chiuso. Quando gli abbiamo spiegato il motivo per il quale ci trovavamo lì e raccontato ciò che era successo ci hanno guardati increduli, come se volessero dire: «Ma siete matti? Ma perché? Noi vogliamo imparare l’italiano in questa città. È così bella Perugia! Ci si sta così bene!». Non riuscivano a capire, e crediamo che non l’abbiano capita nemmeno dopo le nostre spiegazioni, l’assurdità di quello che sarebbe potuto accadere.

Testo di Cesare Barbanera Vanni Capoccia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *