La cosa giusta da fare

BANNER 680x245-01

La cosa giusta da fare

Torna la fiera del consumo consapevole e degli stili di vita sostenibili

Torna a Perugia Fa’ la cosa giusta!, fiera del consumo critico e della sostenibilità tradotta in tutte le sue possibili forme. La manifestazione, alla sua seconda edizione nella nostra regione, si svolgerà presso lo spazio espositivo di Umbriafiere a Bastia Umbra e sarà distribuita su tre giornate, dal 2 al 4 ottobre prossimi. La rassegna verrà riproposta in Umbria dopo il sorprendente successo dello scorso anno, e il feedback positivo ricevuto da pubblico, aziende, operatori e istituzioni, con un’affluenza di pubblico che ha superato le 10mila persone nell’arco dei tre giorni.

Economia sostenibile, risparmio energetico, riciclaggio, alimentazione e cooperazione. Sono solo alcuni dei temi che saranno affrontati nel corso della fiera. Attraverso seminari, incontri, convegni ed esposizioni, ma anche workshop, laboratori e presentazioni di libri. Accanto allo spazio fieristico, infatti, Fa’ la cosa giusta! Umbria prevede un assortito programma culturale, un tratto che consentirà alla manifestazione, impreziosendola, di trascendere la semplice attenzione all’aspetto economico e produttivo, pur senz’altro trattato, ed esaltare quello sociale.

L’esposizione toccherà numerose aree tematiche all’interno delle quali verrà sviluppato il titolo dell’edizione 2015: “Ripartiamo dalla terra”. La mobilità, ad esempio, con la presentazione di mezzi di trasporto a ridotto impatto ambientale (veicoli elettrici, ibridi e a idrogeno) e strumenti di spostamento sostenibile (car sharing, car pooling). L’alimentazione, come detto, con la presenza di produttori e trasformatori che credano nei concetti di biodiversità, filiera corta e difesa della sovranità alimentare. Tra le novità più interessanti dell’edizione 2015 ci sarà, a proposito, l’area VeganOk Expo, uno spazio dedicato esclusivamente a prodotti vegani di alta qualità, pensato per le persone che abbiano fatto questa scelta alimentare. E ancora l’abitare sostenibile, con tutto ciò che questo abbraccia, come risparmio energetico, detersivi ecocompatibili, raccolta di rifiuti e bioedilizia. Infine ci sarà spazio per cosmesi naturale, ethical fashion e turismo accessibile e rispettoso dell’ambiente.

[aesop_gallery id=”2287″]

Una delle più grandi opportunità offerte da Fa’ la cosa giusta! risiede nella possibilità che hanno espositori con una visione affine di entrare in contatto tra loro e tessere relazioni e magari vere e proprie reti di collaborazione; oltre a questo, ovviamente, la fiera è l’occasione ideale per educare i consumatori di oggi, ma anche quelli di domani, con un’attenzione particolare riservata ai bambini e ai prodotti pensati per loro, e la progettazione di un programma per le scuole che coinvolga studenti di istituti di ogni ordine e grado. Due peculiarità, queste, che nobilitano una fiera che si propone di essere a misura d’uomo.

Fa’ la cosa giusta! nasce da un’idea di Terre di Mezzo Editore, che da 13 anni a questa parte organizza l’edizione nazionale della fiera a Milano. Si tratta tuttavia di un format che, a differenza di ciò che accade, ad esempio, con Expo, non viene venduto a pagamento ma può essere ceduto gratuitamente a qualsiasi comitato o società interessati a portare nella propria città la manifestazione, e che ne facciano richiesta all’editore. Per poter essere accettata, chiaramente, la domanda dovrà essere animata dall’intento, da parte dei potenziali promotori, di diffondere pratiche virtuose, valorizzare specificità ed eccellenze, e fare tutto ciò in rete e in sinergia con il tessuto istituzionale, associativo e imprenditoriale locale. Chi voglia organizzare la fiera, poi, dovrà inoltre attenersi a un disciplinare che uniforma il marchio Fa’ la cosa giusta! e regola l’allestimento dell’evento. Il circuito nazionale della manifestazione comprende, ad oggi, da nord a sud, quattro regioni: Trentino Alto Adige (Trento), Piemonte (Torino), Umbria e Sicilia (Palermo). Da noi la rassegna è organizzata da Fair Lab in collaborazione con Umbriafiere.

Tutte le informazioni sulla fiera in Umbria e il relativo programma dell’edizione 2015 sono disponibili sul sito www.falacosagiustaumbria.it. Il biglietto d’ingresso avrà un costo di 3 euro e sarà invece gratis per ragazzi e ragazze che abbiano fino a 14 anni; gli eventi collaterali saranno tutti gratuiti.

Testo di Mattia Giambattista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *