Dalle persone alle persone

boccabelle

Dalle persone alle persone. Per un mondo migliore

Humana sviluppa da anni progetti di sviluppo nel Sud del mondo. Adesso è arrivata anche da noi
Humana, from People to People. Il nome stesso dell’organizzazione racchiude il senso del nostro lavoro quotidiano: “dalle persone alle persone” per un mondo più solidale e sostenibile. Tutti gli interventi umanitari di Humana mirano a promuovere la cultura della solidarietà tra i popoli e della tutela ambientale, e a contribuire allo sviluppo nel Sud del mondo, coinvolgendo direttamente i beneficiari dei progetti affinché possano essere i veri protagonisti del proprio futuro.
È infatti questo lo spirito con cui nasce Humana. Nel corso degli anni ’70, la sofferenza, la povertà e le guerre che erano costrette ad affrontare molte popolazioni del Sud del mondo spinsero un gruppo d’insegnanti e studenti del Nord Europa ad attivarsi per agire contro le diseguaglianze tra Nord e Sud. Non si poteva rimanere indifferenti a queste ingiustizie! Pian piano si costituirono associazioni che hanno poi dato vita alla federazione internazionale Humana People to People, a cui appartengono oggi 32 enti in 43 paesi, tra cui l’Italia. Qui, Humana, da oltre 16 anni, realizza attività di educazione allo sviluppo e di sensibilizzazione , e sostiene progetti di sviluppo nel Sud del mondo: nel 2014 sono stati gestiti 38 progetti di cooperazione internazionale, con un contributo di quasi 1,5 milioni di euro (+16% rispetto all’anno precedente).

L’istruzione, premessa imprescindibile per lo sviluppo dell’individuo e della società, resta un settore prioritario, ma i progetti di Humana sono molto diversificati: si spazia dall’aiuto all’infanzia e lo sviluppo comunitario alla prevenzione di Hiv e malaria, senza dimenticare l’agricoltura e la sicurezza alimentare. I progetti sono il frutto dell’attività che, ogni giorno, Humana porta avanti con impegno e passione. Oltre all’importante collaborazione con le aziende, le istituzioni e i privati, è soprattutto l’attività di raccolta abiti, realizzata in collaborazione con 946 amministrazioni pubbliche, che garantisce continuità ai progetti di cooperazione internazionale. Humana è il primo operatore in Italia per la gestione unitaria e omogenea del servizio di raccolta abiti e con il controllo della propria filiera riesce a seguire il percorso di ogni capo donato, massimizzandone così il valore sociale.
È possibile trovare contenitori per la raccolta abiti di Humana in 46 province italiane grazie a sei filiali. Per riuscire a sostenere sempre più progetti, contribuendo a migliorare la vita di un numero sempre più alto di persone nel Sud del mondo come in Italia, a fine 2013 è stata avviata un’attività start-up, a Udine e Perugia. Proprio qui inizia, infatti, l’avventura di Humana sul territorio umbro.

Grazie alla referente in loco, Juliane Brunner, l’organizzazione inizia a collaborare con alcune amministrazioni comunali, come quella di Gualdo Tadino che, dal 15 aprile scorso, ha affidato a Humana il servizio di raccolta abiti. Purtroppo, sembra che la presenza di questi nuovi contenitori non sia gradita proprio a tutti, visto che si stanno verificando “strani fenomeni”: i contenitori sono stati spesso trovati girati e resi così inutilizzabili. Questi fatti, accertati sia dai nostri autisti sia da molti cittadini attenti e sensibili alla causa di Humana, sono stati segnalati alle autorità competenti. Queste difficoltà non bastano a rallentare il nostro lavoro sul territorio. Anzi, dallo scorso novembre abbiamo lanciato a Gualdo il progetto di sensibilizzazione ed educazione ambientale nelle scuole [In]vestiamo nel futuro, che coinvolgerà oltre 660 bambini di età compresa tra i cinque e gli undici anni. Anche da qui passa l’impegno di Humana per promuovere la cultura della solidarietà tra le persone e della sostenibilità.

 

Testo di Humana, People to People Italia

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *